Libertà e diritti umani, sabato 25 marzo a Pontassieve incontro sul caso Regeni

regeni webUn’occasione di riflessione e dialogo con punti di vista di esperti a poco più di un anno dalla morte del ricercatore Giulio Regeni, sabato 25 marzo dalle 11, nell’auditorium dell’Istituto Ernesto Balducci di Pontassieve (FI), con l’incontro Giulio Regeni, in cerca di verità, organizzato dall’associazione culturale SullaSieve in collaborazione con la stessa scuola.

Obiettivo dell’incontro è quello di comprendere più da vicino un caso di cronaca che ha scosso l’opinione pubblica nazionale ed i rapporti tra Italia e Egitto, cercando di analizzare i fatti e l’attuale stato della vicenda e, più in generale, offrire una riflessione sull’importanza della libertà di informazione e di conoscenza, parlando anche di diritti umani e del rapporto tra autorità e tutela dei diritti.

Il dibattito sarà moderato dal giornalista Leonardo Canestrelli e vedrà la presenza di: Lorenzo Declich, esperto di mondo islamico contemporaneo, blogger e autore di numerosi libri sul medio oriente, tra cui “Giulio Regeni le verità ignorate” (2016); Alberto Tonini, Docente in Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Università di Firenze e Eugenio Alfano, Presidente di Amnesty International Firenze.

L’incontro è aperto a tutti gli interessati gratuitamente e avrà una durata di circa 2 ore. Particolarmente coinvolti saranno gli studenti dell’Istituto, che potranno partecipare attivamente con domande e osservazioni durante il dibattito.

Nel corso dell’evento sarà presentato il libro “Giulio Regeni le verità ignorate”. Il testo, tra i più venduti in Italia sulla vicenda, sarà acquistabile in loco ed i proventi saranno devoluti in parte all’associazione Sulla Sieve. Sarà inoltre apposto all’esterno della struttura uno striscione “Verità per Giulio Regeni”, sancendo così l’adesione della scuola alla campagna nazionale lanciata da Amnesty International.

L’iniziativa fa parte del progetto “Incontri Sulla Sieve”, avviato dall’associazione nel 2014 in collaborazione con l’Istituto Balducci, con l’obiettivo di creare occasioni di incontro e dibattito che coinvolgano in particolare i giovani della Valdisieve.